San-Giacomo-Issime

Issime Chiesa parrocchiale di San Giacomo Maggiore

La parte più scenografica della chiesa è sicuramente la facciata, che ritrae scene del Giudizio Universale, ed è stata affrescata alla fine del Seicento da Francesco Biondi da Ginevra. Partendo dall’alto si possono notare Dio con la Vergine, gli angeli e San Giovanni Battista, il Paradiso con i santi, il Purgatorio e infine l’Inferno, con i sepolcri vuoti e i demoni che trascinano i dannati su una barca verso una prigione di fuoco.

Al centro del portone principale, protetta in una nicchia, la Statua di San Giacomo, patrono di Issime.

Anche il sagrato è molto suggestivo: ospita infatti quindici nicchie arricchite dagli affreschi di Antonio Facio di Valprato, che rappresentano i misteri del Rosario. Questo è il luogo in cui i fedeli venivano benedetti con acqua santa prima di poter entrare nella chiesa.

All’interno si trova un imponente altare maggiore in stile barocco, ornato da 182 statue di legno dorato, tra i più pregiati della Valle d’Aosta.

Sul fondo della chiesa è presente un museo di arte sacra, con statue, argenterie e alcuni oggetti che risalgono al Quattrocento.

Chiesa parrocchiale di San Giacomo Maggiore La Storia

La chiesa parrocchiale di San Giacomo Maggiore ha una storia molto antica: una bolla di papa Lucio del 1184 non solo ne confermava l’esistenza, ma la definiva “molto antica”. Nel XII secolo Issime ottenne l’autonomia da Perloz – che fino a quel momento comprendeva tutta la comunità Vallaise – e divenne l’unica parrocchia dell’alta Valle del Lys, espandendo il suo controllo anche sui comuni di Gaby, Gressoney-Saint-Jean e Gressoney-La-Trinité fino al 1660, quando iniziarono a divenire indipendenti alcune di queste parrocchie.

L’attuale edificio è stato ricostruito nel 1683 su una chiesa preesistente, ma sono state lasciate alcune caratteristiche della chiesa antica, come l’arco nella navata sinistra, che rappresentava la base del campanile, e la vasca battesimale romanica. Nel castello Vallaise di Arnad è presente l’unico affresco che ritrae la chiesa nel suo aspetto antico.