Caricando il contenuto
Navigation
Account
Carrello 0 items for  0.00

Nessun prodotto nel carrello.

Heritage – Lo Triolet

‹Ritorna indietro
Descrizione

Descrizione prodotto

Heritage – Syrah e Fumin – Lo Triolet

Vitigni
Syrah 60%, Fumin 40%

Terreno
Sabbioso, di origine morenica

Sistema di Allevamento
Guyot – 8500 viti ad ettaro

Resa
40 ettolitri ad ettaro

Vendemmia
Manuale, in piccole cassette, a metà ottobreAffinamento
L’uva è mantenuta in ambiente ventilato per circa due mesi al fine di ottenere un appassimento ottimale. Macerazione a freddo prefermentativa e fermentazione in acciaio per 12-14 giorni 25-28°C
Affinamento per 9 mesi in barriques e tonneaux di rovere francese e una piccola parte in botti di acciaio.

Caratteristiche del vino e abbinamento cibi
Il colore è rosso rubino intenso, brillante.
Al naso è molto persistente, speziato con note che ricordano i frutti di bosco.
Al palato è secco, caldo, morbido, con presenza di tannini vellutati ed eleganti.

Accompagna ottimamente carni rosse, volatili e cacciagione.

Informazioni Aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Producer

Bottiglia

Origine

Recensioni (0)

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni

Be the first to review “Heritage – Lo Triolet”

Lo Triolet

L’azienda LO TRIOLET si trova ad Introd dove la famiglia Martin, oltre alla cantina, gestisce anche un piccolo agriturismo ricavato in un vecchio edificio del 1656.

Lo Triolet nasce nel 1993 dall’unione delle esperienze e degli stimoli ottenuti da Marco nel suo lavoro di tecnico in viticoltura presso l’Amministrazione Regionale e dalla passione per la coltivazione dei vigneti della sua famiglia.

Leggi tutto il profilo »

Prodotti Correlati

Bottiglia di Cornalin Valle d'Aosta Vista Veloce

Cornalin DOC – Les Granges

Cornalin DOC Valle d'Aosta Un vino rosso autoctono della Valle d'Aosta monovarietale che viene prodotto unicamente con le uve di Cornalin. Il termine in Patois per identificare questo vitigno è "Broblanc" che tradotto significa tralcio bianco. Questa è proprio una delle caratteristiche vegetative del Cornalin. Questo vitigno è poco diffuso in Valle d'Aosta ma viene prevalentemente coltivato in zone molto esposte a quote massime di 700 metri sul livello del mare. La famiglia Crea coltiva ormai da anni questa varietà sulla collina di Nus, una zona perfetta per questo vitigno! Conservazione Un vino che si presta all'invecchiamento di 2/3 anni in cantina. Consigliamo una cantina con umidità al 70% e temperature costanti tra i 12° e i 15°. Conservare la bottiglia coricata e al buio o con scarsa luce. Come bere il Cornalin Abbinamento perfetto con l'arrosto di vitello. Si sposa molto bene anche con i formaggi locali come la Fontina invernale. Da non sottovalutare anche l'utilizzo durante l'aperitivo.
 19.00 IVA inclusa Acquista
Vista Veloce

Dessus – Piantagrossa

Dessus Nebbiolo della Valle d'Aosta Dessus (sopra) è un omaggio al grande lavoro del vigneron e alla fatica compiuta per raggiungere le pergole dei terrazzamenti più alti e ripidi. Un Nebbiolo in purezza, affinato per 12 mesi in tonneaux di rovere francese con tannini di qualità che si esprimono al meglio nel tempo.
 22.00 IVA inclusa Acquista
Vista Veloce

396 Nebbiolo – Piantagrossa

396 Nebbiolo della Valle d'Aosta 396 aesculus hippocastanum Vallée d’Aoste DOC Nebbiolo 396, come gli anni dell’ippocastano che svettava nel cortile. Un Nebbiolo giovane, affinato per 8 mesi in acciaio, che esprime freschezza, eleganza e piacevolezza.
 15.00 IVA inclusa Acquista
Petit Rouge in purezza, prodotto da Didier Gerbelle - Valle d'Aosta - Aymavilles Vista Veloce

Petit Rouge DOP – Gerbelle

Petit Rouge DOC Il Petit Rouge è il vitigno autoctono più coltivato in Valle d'Aosta ed è presente in molti DOC della regione: Enfer, Torrette, Nus, Chambave… “Ma se ci pensi ha un brutto nome, no? – dice Didier, scherzando – Piccolo e rosso. Preferirei si chiamasse Grand Noir o Grand Violet!” Per valorizzare le sue caratteristiche peculiari Didier ha scelto di vinificarlo in purezza. Le uve di questa bottiglia provengono da una vigna che si trova nel comune di Villeneuve, coltivata nel pieno rispetto dell'ambiente. Si chiama Vigne Plan. Un vigneto su un terreno pianeggiante. Una cosa rara in un territorio montuoso come quello valdostano. Come bere il Petit Rouge  I profumi di rosa selvatica e frutti rossi del Petit Rouge si abbinano perfettamente a salumi, boudin, salsicce, formaggi valdostani e secondi di carne, ma è ottimo anche servito a tutto pasto per accompagnare zuppe locali e casse-croûte.
 14.28 IVA inclusa Acquista
Vista Veloce

Gamay – Lo Triolet

Gamay - Lo Triolet      
 12.50 IVA inclusa Acquista
il vino della Bassa Valle, rosso corposo Vista Veloce

Arnad Montjovet DOC – Dino Bonin – Boën

Arnad-Montjovet DOC Dall'unione di uve Picotendro, selezione regionale del Nebbiolo, e Pinot Noir nasce dai pendii della bassa Valle d'Aosta l'Arnad-Montjovet, vino secco e armonico. Conosciuto già nei secoli scorsi, con il passare degli anni è andato affermandosi come importante attore del panorama enologico valdostano. Il colore è rubino scarico con riflessi granata, mentre il profumo è fine ma intenso, con note di frutti rossi e spezie. In bocca risulta ben equilibrato, morbido, con fondo amarognolo. Come bere l'Arnad-Montjovet Seguendo la filosofia che vuole abbinati vini e piatti tipici della stessa terra, non si può non accompagnare il tipico lardo valdostano con un bicchiere di Arnad-Montjovet. Si sposa anche con piatti di carne e formaggi stagionati.
 10.60 IVA inclusa Acquista
Bottiglia che dice no alla chimica in vigna Vista Veloce

Na! – vino naturale della Valle d’Aosta – Gerbelle

Na! - Torrette Superieur da vigneto 'naturale' Un nome preso dal dialetto locale, il patois. Na!, letteralmente tradotto in No!. Un avverbio di negazione che, come ci racconta Didier, identifica il "no ai diserbanti, no agli insettici e no ai prodotti di sintesi" Inoltre questo prodotto è vinificato in acciaio con un basso utilizzo di anidride solforosa. Dopo la vinificazione il vino passa qualche mese in legno (botte grande), poi imbottigliato e.... bevuto! Composto da 70% Petit Rouge, 10% Cornalin, 10% Fumin e 10% Premetta ci offre la visione che Didier ha del Torrette Superieur con una vigna coltivata in modo naturale. Abbinamenti consigliati Per un vino di questo calibro bisogna assolutamente rimanere in Valle d'Aosta e abbinarlo a Fontina, mocetta e pane nero.  
 15.00 IVA inclusa Acquista
Fronte Vino Boen Rosso Vista Veloce

Pinot Noir DOP – Dino Bonin – BoËn

Pinot noir DOP

Pinot Noir - Bonin - Boen

Un vitigno internazionale dalla storia nobile ben adattato all’arduo territorio della Valle d’Aosta. Un vitigno a bacca nera che, ci racconta Dino “è stato piantato per la prima volta da mio papà nel 1973″. 

Questo vitigno fa da “collegamento” tra la famiglia dei vini rossi e dei bianchi; Dino Bonin infatti vinifica questo vino sia in rosso che “in bianco”.

Il Pinot Noir vinificato in rosso è armonico e fine; caratterizzato da un sentore vellutato e dalle componenti organolettiche ben equilibrate.

Conservazione

Conservare in cantina e consumare preferibilmente dopo aver lasciato la bottiglia alcuni mesi a riposo.

Come bere il Pinot Noir

Per esaltare il sapore discreto del Pinot si consiglia di abbinarlo con piatti non troppo elaborati o dai sapori intensi. Da evitare assolutamente il piccante.

 10.60 IVA inclusa Acquista
bottiglia nera e etichetta bianca per l'ainé Vista Veloce

L’Ainé – vino rosso DOP – Gerbelle

L'Aîné - vino rosso DOP - un vino di ricerca La rinascita di un vitigno, la nascita di mio figlio. Così recita l'etichetta di questo vino. Una dedica che Didier ha voluto fare a suo figlio cercando di raccontarci la storia che sta dietro questo vino. "Con Joseph Vuillamoz, Giulio Moriondo e Rudy Sandi abbiamo recuperato questo vitigno autoctono valdostano che ormai era andato perduto" ci racconta Didier "Abbiamo fatto le analisi del DNA su questo vitigno che sembrava poter appartenere alla famiglia dei ceppi valdostani e così è stato!" Una prima microvinificazione nel 2013, un esperimento ben riuscito il cui esito ha incoraggiato Didier a continuare e implementare la sua produzione. Rimangono sempre poche bottiglie ma al loro interno è racchiusa tutta l'essenza dei vini valdostani. 100% Neret (o Neyret). Appartiene alla famiglia dei vitigni denominata Oriou (vitigni legati al Petit Rouge). Parente stretto con Petit Rouge, Fumin e Mayolet.   Abbinamenti consigliati Un vino che, data il suo aspetto sperimentale, è da provare e da abbinare a piacimento con carni rosse o formaggi stagionati (come la fontina invernale). Provatelo e fateci avere i vostri pareri!  
 23.00 IVA inclusa Acquista
Non disponibile vino rosso valdostano mix di 3 vitigni autoctoni Vista Veloce

Vino Rosso – “33” – Dino Bonin – Boën

Un terzo Picotendro, un terzo Neyret e un terzo Roussin. Il tutto per ottenere un vino 100% valdostano. Dalla passione di Dino Bonin e del papà Cesarino nasce un vino che ha le sue radici nei vecchi vitigni autoctoni valdostani. Un vino di ricerca che - come di Dino - "ha visto il suo nome nascere proprio dalla voglia di mettere in parti uguali 3 dei vitigni di Arnad, ognuno partecipa per il 33%". Un sapore particolare che ricorda la Valle d'Aosta e i profumi della bassa Valle. Eccovi il nuovo vino della famiglia Bonin: 33!
 9.80 IVA inclusa Per saperne di più
Torna all'inizio