Caricando il contenuto
Navigation
Account

Dessus – Piantagrossa

‹Ritorna indietro
Descrizione

Descrizione

Piantagrossa – Dessus Nebbiolo Valle d’Aosta

Qualifica: Valle d’Aosta DOC Nebbiolo
Zona di produzione: Vigneti in esposizione sud nei comuni di Pont-Saint-Martin e Donnas 400/500 metri s.l.m.
Terreno: Morenico, sabbioso, in forte pendenza, sistemato in terrazze
Vitigni: 100% Nebbiolo Picotendro
Numero ceppi per ettaro: 3000 – 3500
Forma di allevamento: Pergola Valdostana
Resa per ettaro: 5000 kg
Alc. 13%
Acidità totale 6/6,50%
Vendemmia: Terza decade di ottobre
Vinificazione e affinamento: In acciaio, con fermentazione a 28 °C, macerazione per circa 30 giorni. Matura per 12 mesi in tonneaux di rovere francese e affina 6 mesi in bottiglia
Vista: Colore rosso rubino tenue con riflessi granato, consistente
Olfatto: Intenso e persistente. In evidenza piccoli frutti, ciliegia, noce moscata, chiodi di garofano e china
Gusto: In bocca è coerente con spezie ed echi fruttati
Temperatura di servizio: 17/18 °C
Abbinamento: Sella di coniglio in umido
Bottiglie prodotte annualmente: 3000

Informazioni Aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Producer

Vitigno

Bottiglia

Origine

Recensioni (0)

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni

Be the first to review “Dessus – Piantagrossa”

Le Nostre Offerte

Succo di Mele Reinetta con tre mele - Azienda agricola Saint Grat Valle d'Aosta Vista Veloce

Succo di mele Reinetta 0,75cl – Az. Agricola Saint Grat

Succo di mele renette - Reinetta 100% mele e niente altro Dalla spremitura delle mele renette valdostane viene realizzato questo prodotto senza aggiunta di conservanti, acqua o zuccheri. Negli ultimi anni, grazie a importanti lavori di rinnovamento e razionalizzazione della coltura, l’azienda agricola Saint Grat ha aumentato la tradizionale produzione di mele, in particolare di renette. Da qui l’idea di destinare una parte del raccolto alla spremitura.  “Attenzione – avverte Ivo – una parte, non gli scarti!” Così nasce Reinetta: puro succo di mele renette prodotte in Valle d’Aosta, un territorio particolarmente vocato per la produzione di mele, grazie al clima secco che scoraggia l’insediamento dei parassiti dei meleti. Come conservarlo Il prodotto ha una durata elevata se conservato chiuso in un luogo fresco. Una volta aperto il prodotto è da conservare in frigo e da consumare in pochi giorni
 3.93 IVA inclusa Aggiungi al carrello
foto artistica del genepy Vista Veloce

Génépy piantine – Da Emy

Piantine di Artemisia Umbelliformis da utilizzare per la ricetta del Génépy fatto in casa. Il Génépy bianco è una piccola pianta aromatica tipica delle zone di alta montagna, cresce infatti sulle Alpi occidentali ad altitudini comprese tra i 1700 e i 3500 metri sul livello del mare. Il tipico liquore, famoso ben oltre l'arco alpino, si prepara ponendo le piantine a macerare nell'alcol. L'infuso ottenuto riposerà per almeno un mese e verrà infine allungato con uno sciroppo di acqua e zucchero. In Valle d'Aosta quasi ogni famiglia ha un “produttore” di génépy, che pazientemente raccoglie le piantine e le trasforma, secondo ricette conservate gelosamente, in un delizioso liquore che condividerà con amici e parenti durante le cene e le feste mangiando un torcetto o un dolce tipico. Il pacchetto contiene circa 40 piante, la dose per un litro di alcol.
 6.00 IVA inclusa Aggiungi al carrello
il taglio del salume, come farlo Vista Veloce

Salsiccia Valle d’Aosta – 200 gr – Segor

Salsiccia Valdostana - 200gr La salsiccia della tradizione della Valle d'Aosta rispecchia tutta la genuinità e i sapori della terra dove viene sapientemente prodotta. Carne suina, carne bovina, vino rosso locale, spezie. Questi gli ingredienti principali del protagonista dei taglieri di salumi, ma da soli non sarebbero sufficienti: ogni eccellenza gastronomica dipende tanto dalla qualità degli ingredienti quanto dall'abilità del produttore. Ci spiega Diego Segor, infatti, che la fase più delicata della preparazione sta nel dosaggio degli ingredienti e nell'equilibratura degli aromi. Una volta ottenuta la “pasta” desiderata si passa all'insaccatura, rigorosamente in budello di maiale, quindi alla stagionatura. Le salsicce resteranno appese al buio per un certo lasso di tempo prima di raggiungere le botteghe, le tavole e i taglieri. Come accompagnare la Salsiccia Dopo aver tagliato la salsiccia a fettine e avergli tolto la pelle l'ideale è di mangiarla così al naturale, magari sorseggiando un buon vino rosso del territorio come il Fumin.
 5.20 IVA inclusa Aggiungi al carrello
Fetta di Fontina appena tagliata Vista Veloce

Fontina DOP Valle d’Aosta – La Croix

La Fontina DOP della Valle d'Aosta La Fontina DOP è il formaggio simbolo della Valle d’Aosta, vera regina dei prodotti tipici della regione. Quella prodotta dalla famiglia Lale Lacroix nasce da pascoli montani, da fieno prodotto in azienda e da latte di bovine di razza autoctona valdostana. L’abilità del casaro condensa questi elementi in un formaggio selezionatissimo, che vanta molteplici tentativi di imitazione… tutti vani! Il latte usato è intero, crudo e appena munto. La trasformazione da latte a formaggio avviene nel rispetto della tradizione valdostana, secondo quanto previsto da un rigido disciplinare. La stagionatura dura un minimo di tre mesi; la salatura e la spazzolatura vengono effettuate manualmente, forma per forma, fino al raggiungimento della maturazione ottimale. A seconda del periodo di produzione variano i profumi e il gusto della pasta, che deve essere sempre elastica, con qualche occhiatura. Abbinamenti consigliati Sicuramente pane nero, bodeun e, per i più golosi, un buon Pinot Gris. Come conservare la Fontina Si consiglia di aprire la confezione almeno due ore prima del consumo per liberare gli eventuali odori provocati dalla crosta. Il formaggio si può conservare, avvolto in una pellicola trasparente, nella zona meno fredda del frigorifero.
 8.25 33.00 IVA inclusa Scegli

Prodotti Correlati

Perchè no, un vino della Valle d'Aosta Vista Veloce

Peque-Na! Rouge DOP – Gerbelle

Peque-na! - Gerbelle Peque-na è un'espressione dialettale valdostana. Significa 'Perché no'. “È quello che mi sono detto quando ho pensato di fare questo vino …perché no?” Per produrlo Didier Gerbelle usa tre vitigni autoctoni: soprattutto Cornalin (70%) e poi Premetta e Fumin. “Mio nonno mi ha insegnato che è meglio non vinificare il Cornalin da solo. Poco colore, poca acidità.” Questo vino ha una particolarità. I tre vitigni vengono lavorati con il metodo del “ripasso”. Cornalin e Fumin fermentano insieme, mentre nel frattempo le uve pregiate della Premetta vengono raccolte e lasciate appassire all'aria aperta. “Raggiunto il giusto grado di appassimento anche queste vengono pigiate e assemblate con il resto. Il tutto rifermenta e macera ancora per trenta giorni.” Come bere il Peque-na Questo vino secco e profumato è ottimo a tutto pasto, ma si sposa alla perfezione con i piatti di carne, in particolar modo con gli arrosti. Eccellente anche per accompagnare un tagliere di salumi e formaggi locali.
 16.47 IVA inclusa Aggiungi al carrello
Vista Veloce

396 Nebbiolo – Piantagrossa

396 Nebbiolo della Valle d'Aosta 396 aesculus hippocastanum Vallée d’Aoste DOC Nebbiolo 396, come gli anni dell’ippocastano che svettava nel cortile. Un Nebbiolo giovane, affinato per 8 mesi in acciaio, che esprime freschezza, eleganza e piacevolezza.
 15.00 IVA inclusa Aggiungi al carrello
Vista Veloce

Gamay – Lo Triolet

Gamay - Lo Triolet      
 13.50 IVA inclusa Aggiungi al carrello
Non disponibile fumin più antico e invecchiato della valle d'aosta Vista Veloce

Fumin 2010DOP – Gerbelle

Fumin DOP Valle d'Aosta

Alcuni il Fumin lo chiamavano Ten perdu, cioé tempo perso. Era un modo di dire, un'esagerazione. “I vecchi viticoltori di Aymavilles – conferma Didier Gerbelle – dicevano che il Fumin va vendemmiato due anni prima, per poi berlo tre anni dopo.” Questo fa capire quanto sia lungo il processo di vinificazione e affinamento.

“È il mio vino più importante ed è dedicato a mio nonno.” Una dedica molto sentita da parte di Didier alla persona che più di tutte gli ha trasmesso la passione per il vino.

Come bere il Fumin

Versare e attendere qualche minuto prima di degustare, meglio ancora scaraffare in un decanter. Da accompagnare con carni rosse, selvaggina in generale, civet e formaggi con lunga stagionatura per esaltarne le qualità organolettiche.
 45.75 IVA inclusa Leggi tutto
vino più famoso della Valle d'Aosta Vista Veloce

Torrette Superiore DOP – Vigne Planté – Gerbelle

Torrette Superieur - Vigne Planté - Didier Gerbelle Un vino proveniente da una vigna centenaria in cui il Petit Rouge è ancora franco di piede. Una lavorazione in cantina che prevede la svinatura e il passaggio in barrique di diverse età dove il vino termina la fermentazione alcolica.  Dopo la malolattica, avvenuta in legno, il vino affina per due anni in barrique. "Tra tutti i miei vini - ci racconta Didier - è quello più giocato sulla finezza e l'eleganza. La particolarità sicuramente in questa bottiglia sono le uve che provengono da una vigna a cui tengo molto e in cui sono riuscito a utilizzare il franco di piede in tutta la sua peculiarità" Il torrette in questa versione rappresenta al meglio la modernità che Didier ha portato nei suoi vini. Il Torrette è qui composto da Petit Rouge 70%, 10% Cornalin, 10% Fumin, 10% Premetta. Come bere il Torrette Vigne Planté Il Torrette Vigne Planté si abbina alla perfezione a piatti elaborati e intensi come portate di selvaggina, polente concie e fondute di Fontina molto aromatiche.
 20.00 IVA inclusa Aggiungi al carrello
Non disponibile Pinot nero della Valle d'Aosta Vista Veloce

Pinot Noir DOC – Les Grange

Pinot Noir - Les Granges Il Pinot Nero, uno dei vitigni internazionali più coltivati in Valle d'Aosta. Esprime nella nostra regione il meglio dei suoi profumi e della sua delicatezza. "Sulla collina di Nus - ci racconta Gualtiero - questo vitigno è ben soleggiato e gode di abbondanti cure da parte nostra" L'espressione di questo vino è sicuramente giovane e profumata! Come bere il Pinot Noir Il Pinot Noir di Les Granges ha molti abbinamenti possibili grazie alla sua delicatezza. Sconsigliato con i piatti piccanti, molto consigliato con formaggi a pasta semidura (come la toma) o salumi con pochi grassi (bodeun).
 13.50 IVA inclusa Leggi tutto
Fumin, prodotto da Lo Triolet di Marco Martin Vista Veloce

Fumin DOC – Lo Triolet

Fumin DOC Valle d'Aosta Dal vitigno autoctono più interessante della Valle d'Aosta nasce questo ricercato vino rosso, ricco di tannini e profumi. Marco ci racconta come “questo vitigno valdostano è molto delicato e va seguito attentamente. La zona di coltivazione e il diradamento sono molto importanti per ottenere un prodotto di ottima qualità” Il Fumin ha un profumo intenso con sentori di mora e mirtillo e al palato si presenta con il caratteristico boccato vellutato e morbido. Conservazione Se conservato in locali con temperature costanti tra i 10° e i 15° e umidità intorno al 70% il Fumin non può che migliorare. La bottiglia coricata e non esposta alla luce garantisce al Fumin un buon invecchiamento che (in 2/3 anni) ne esalta il sapore e i profumi. Come bere e abbinare questo vino Da accompagnare con carni rosse, selvaggina in generale, civet e formaggi con lunga stagionatura per esaltarne le qualità organolettiche.
 25.00 IVA inclusa Aggiungi al carrello
Petit Rouge in purezza, prodotto da Didier Gerbelle - Valle d'Aosta - Aymavilles Vista Veloce

Petit Rouge DOP – Gerbelle

Petit Rouge DOC Il Petit Rouge è il vitigno autoctono più coltivato in Valle d'Aosta ed è presente in molti DOC della regione: Enfer, Torrette, Nus, Chambave… “Ma se ci pensi ha un brutto nome, no? – dice Didier, scherzando – Piccolo e rosso. Preferirei si chiamasse Grand Noir o Grand Violet!” Per valorizzare le sue caratteristiche peculiari Didier ha scelto di vinificarlo in purezza. Le uve di questa bottiglia provengono da una vigna che si trova nel comune di Villeneuve, coltivata nel pieno rispetto dell'ambiente. Si chiama Vigne Plan. Un vigneto su un terreno pianeggiante. Una cosa rara in un territorio montuoso come quello valdostano. Come bere il Petit Rouge  I profumi di rosa selvatica e frutti rossi del Petit Rouge si abbinano perfettamente a salumi, boudin, salsicce, formaggi valdostani e secondi di carne, ma è ottimo anche servito a tutto pasto per accompagnare zuppe locali e casse-croûte.
 14.28 IVA inclusa Aggiungi al carrello
Torette superieur, prodotto da Didier Gerbelle - DOP Valle d'Aosta Vista Veloce

Torrette Superieur Tsancognein DOP – Gerbelle

La Vigne Tsancognein è lo storico vigneto di famiglia. Una tipica vigna valdostana polivarietale, che presenta cioé diversi vitigni: Petit Rouge, Cornalin, Fumin e Premetta. Dalla miscela di queste varietà, o più precisamente dal loro uvaggio, nasce il Torrette Supérieur di Didier Gerbelle. “Sai una cosa interessante? Questo vigneto è franco di piede.” E cosa vuol dire? “Vedi, è semplice – spiega Didier – è autoctono al cento per cento. Non è innestato su radici americane resistenti alla fillossera, eppure ha una certa età: in parte ho rinnovato i pali, ma i ceppi hanno in media più di quarant'anni.” Abbinamenti consigliati Il gusto caldo e corposo del Torrette rende al meglio se abbinato a piatti di carne, specialmente arrosti e selvaggina. È ottimo anche a tutto pasto, specialmente se costituito da prodotti locali come salumi e formaggi.
 16.47 IVA inclusa Aggiungi al carrello
bottiglia nera e etichetta bianca per l'ainé Vista Veloce

L’Ainé – vino rosso DOP – Gerbelle

L'Aîné - vino rosso DOP - un vino di ricerca La rinascita di un vitigno, la nascita di mio figlio. Così recita l'etichetta di questo vino. Una dedica che Didier ha voluto fare a suo figlio cercando di raccontarci la storia che sta dietro questo vino. "Con Joseph Vuillamoz, Giulio Moriondo e Rudy Sandi abbiamo recuperato questo vitigno autoctono valdostano che ormai era andato perduto" ci racconta Didier "Abbiamo fatto le analisi del DNA su questo vitigno che sembrava poter appartenere alla famiglia dei ceppi valdostani e così è stato!" Una prima microvinificazione nel 2013, un esperimento ben riuscito il cui esito ha incoraggiato Didier a continuare e implementare la sua produzione. Rimangono sempre poche bottiglie ma al loro interno è racchiusa tutta l'essenza dei vini valdostani. 100% Neret (o Neyret). Appartiene alla famiglia dei vitigni denominata Oriou (vitigni legati al Petit Rouge). Parente stretto con Petit Rouge, Fumin e Mayolet.   Abbinamenti consigliati Un vino che, data il suo aspetto sperimentale, è da provare e da abbinare a piacimento con carni rosse o formaggi stagionati (come la fontina invernale). Provatelo e fateci avere i vostri pareri!  
 23.00 IVA inclusa Aggiungi al carrello
Torna all'inizio